Chi siamo?

  • Greg Fornara

    Analista programmatore appassionato di storia locale e mtb (webmaster ).

  • Pier Luigi Fornara

    Pensionato attivo nel volontariato con la passione per la storia locale, tradizioni e l'orticoltura.

  • Piergiorgio Bertona

    Pensionato  con la passione per la storia locale, tradizioni e l'orticoltura.

  • Tutti i collaboraotori

    Ugo Zanetta, ELisa Zanetta, Cele Zanetta, Stefano Travaglia hanno contribuito alla stesura del libro.

Benvenuti in Varganbas.it!

Questo è il nuovo stile del sito dedicato alla storia, alle attività della frazione di Santo Stefano di Borgomanero altrimenti chiamato Varganbas.
Nel 1994 veniva pubblicato il 1° libro sulla frazione dal titolo "Santo Stefano tra memorie del passato  e  la ricerca del nuovo",  con la testimonianza di alcuni abitanti della frazione sulla vita contadina.
E' da questa poca storia il punto di partenza di questo lavoro di ricerca del Nuovo. E' la storia di un fazzoletto di terra di circa 1 Km2  abitato da contadini che hanno vissuto con un certo ermetismo gli eventi della storia ufficiale  e che ne ha forgiato il carattere nonché la tenacia che ancor oggi ci contraddistingue.
Nel 2013 abbiamo pubblicato il secondo libro sulla frazione intitolandolo semplicemente Varganbas con dati storici, mappe, fotografie e persone della frazione...

    Pubblicazioni altri autori:

  • Un missionario in Canoa - di Veronica Iannotti

    Un missionario in canoa” è un libro-intervista con il quale la scrittrice ripercorre la vita vera di Don Gervasio Fornara, missionario salesiano nativo di Santo Stefano che, non ancora sacerdote partì per la Colombia, dove passerà ben quarantun anni nelle foreste dell’ America Latina. In questo lungo periodo, nonostante le guerre civili, i narcotrafficanti, calamità naturali ed epidemie,

Le nostre ricerche:

Dal 2009 anno in cui ci siamo cimentanti in questa passione abbiamo redatto alcuni quadernetti, opuscoli ed anche un libro, tutti inerenti a persone, fatti e storie legate alla frazione. Oltre a pannelli esplicativi su alcuni edifici locale.

  • Castagnola-Communitas Raschi

    Pannello apposto sul muro della chiesa di San Lorenzo in Castagnola-Valduggia

  • Casa Parrocchiale di Santo Stefano

    Nel 1905 veniva progettata la Casa canonica di Santo Stefano per opera dell Arch.Ing. Stefano Molli insigne borgomanerese morto nel 1916 a soli 58 anni

  • La gente di Trecate racconta la Grande Guerra...anche attraverso il canto popolare

    Sabato 14 Novembre 2015 il coro "Scricciolo" di Cameri in collaborazione con gli amici di Varganbas hanno organizzato la commemorazione dei caduti della grande guerra a Trecate presso il teatro comunake.

  • Le fortificazioni sul nostro territorio a 100 dal conflitto della Grande Guerra

    Domenica 21 Giugno l'Associazione San Bernardo e gli amici di Varganbas organizzano una gita escursionistica al Forte di Bara ad Ornavasso lungo le fortificazioni della Linea Cadorna.
    Ritrovo e partenza in pullman da S.Stefano ore 8, si percorre a piedi la strada militare fino al Forte dove ci sarà una visita guidata tenuta dagli Alpini di Ornavasso.

  • Libro "Grande Guerra- Varganbas ricorda i suoi caduti"

    Il 9 novembre 2014 presso Ass. San Bernardo abbiamo ricordato i nostri caduti  con una presentazione degli eventi bellici, la lista dei caduti con alcune curiosità, Varganbas al tempo della guerra.
    Il tutto supportati magistralmente dal Coro Scricciolo di Cameri  che hanno eseguito dei canti popolari d'epoca diretti dal M.Armando Travaini.

  •  

    Coro Scricciolo - Cameri - via Novara 20

     


      www.coroscricciolo.it 
     per informazioni e contatti email :a.sartirani@libero.it


  • Libro "Varganbas"

    Il 13 settembre 2013 in occasione dei festeggiamenti dell'80° della Chiesa Parrocchiale, abbiamo presentato alla comunità il libro dal titolo "Varganbas".

  • Chiesa vecchia 1710-2010: Alle origini della nostra comunità   

    Nel 1707 iniziò la costruzione dell'Oratorio dedicato  a Santo Stefano protomartire e terminò nel 1710. Nel 1906  è stato elevato a chiesa parrocchiale nel 1906.

  • Storia dell'oratorio di San Bernardo

    Sotto la collina di Colombaro è presente l'oratorio dedicato a San Bernardo da Mentone. Le prime informazioni utili risalgono al 1596 inerenti ad un beneficio pro-oratorio a favore di curati che dovevano dire delle messe..

  • Pannello storiografico dell'oratorio di San Bernardo

    Pannello storiografico posto  davanti all'oratorio.

  • Pannello storiografico chiesa vecchia

    Sono riportate date ed informazioni della costruzione in italiano e dialetto "da Varganbas"

  • Varganbas 1722: i proprietari

    Ricerche sulle mappe teresiane del 1722-23 con la decifratura dei proprietari delle case del tempo.

  • I soprannomi

    Ricerche sull'origine dei soprannomi ormai in disuso che servivano ad identificare cortili, intere famiglie e persone. Uno spaccato di un tempo che non tornerà più

  • Cör: il cuore!

    Ricerche sulle mappe teresiane del 1722-23 e lo stato delle anime del 1854 sugli abitanti delle cascine del Cör, primo nucleo abitativo di Santo Stefano, Cör=Cuore della frazione, primordio e fondazione.

Articoli, eventi, note

Castagnola-Communitas Raschi


Durante le uscite in Mountain Bike attorno al Fenera mi sono fermato spesso a Castagnola e ho visto diverse lapidi nella minuscola piazzetta con ricordi storici e ho così reperito informazioni e curiosità scritte poi su un pannello apposto sul muro della chiesa parrocchiale di San Lorenzo.
Con il termine di Communitas Raschi (Comunità di Rasco) venivano definite le famiglie consortili e i terrieri abitanti in questa vallata dei Montes Sexii. ..né Rasco né Castagnola non furono mai comunità e se con tal nome il primo fu notato, derivò dall'uso antico di chiamare l'unione di parecchie famiglie (G.Lana1840 ,Guida ad una gita entro la Vallesesia) . Rasco era la frazione più antica di tutte le presenti attorno al Fenera essendo anche l’unica rappresentata nelle mappe antiche: col tempo alcuni suoi abitanti si staccarono per formare l’attuale agglomerato della Castagnola per questo nei vari documenti vennero chiamati anche Homines de Rasco.

Casa parrocchaile


Lè stacia facia in dal 1905 da l’ Architet Stefano Molli da Burbané el prumm previ clé nacc dent lé stacc al don Luigi Godio, sul funt ghé la Gésa Vegia da Varganbas (1710-1933). Un toc dal terech indua lè stacia facia su la cà e onca la Gésa Nova lè stacc crumpà in dal 1758 da na famiglia Fornara (caploch) clé nacia sté a Cremona e rigalà a l’uratoriu da Varganbas e dopu dagli auti famigli dal pais in dacc i terei che mancavu par fela su. Sui carti dal nudar gheva scricc che una bota stu post as ciamava “La Colarola” e in dua ghé la Gèsa Nova, as zeva “all’ albero della Colarola”

Un albero...una comunità


Negli atti notarili era una ricorrenza per identificare le geografie del territorio, tanto che il terreno dove è costruita la nuova chiesa parrocchiale era chiamato “all’ albero della colarola”. Il periodo interessato è tra il 500-600 e l’albero in questione non potrebbe che essere una maestosa quercia . Sono poche le case abitate e costruite a ridosso della collina ll Cör, il Dom invece molti i terreni a coltivo nella piana del rio Grua fino ad arrivare al torrente Agogna. I corpi di case del tempo erano chiamate casine o cassine e l’attuale Santo Stefano era definito come Cassine di Vergano inferiore...

E' mancato un amico ...ciao Piero Prof!


Per anni, è stato professore di lettere alle Scuole Medie Statali di Borgomanero. I suoi interessi, per quanto a me noti, furono la Musica e il giornalismo.
Nella sua vita, oltre all'impegno politico come assessore e consigliere comunale, si dedicò a numerose attività parrocchiali di Santo Stefano come l’organizzazione coreutica, la messa in scena di alcuni “recital”, per alcuni di noi ritenuti innovativi, ma diede sempre il meglio di sé nella scrittura.
Fin dalla nascita del bollettino parrocchiale di Varganbas, per giungere come ultima collaborazione a un settimanale locale, si impegnò alla stesura di articoli riguardanti la quotidianità....(qui per leggere..)

Cento anni dalla Grande Guerra: Commemorazione dei defunti


Domenica 1 novembre 2015 dopo la S.Messa si è tenuta una breve ma significativa celebrazione dietro la chiesa di S.Stefano, davanti alla lapide dei caduti delle guerre.
La cerimonia ha visto molta partecipazione dei bambini che hanno deposto una bandierina italiana con il nome del caduto impresso sulla lapide.
Cliccare qui per vedere le foto
Clica per vedere filmato

Sulle tracce della Grande Guerra a 100 anni dal conflitto


Domenica 21 Giugno l'Associazione San Bernardo e gli amici di Varganbas organizzano una gita escursionistica al Forte di Bara ad Ornavasso lungo le fortificazioni della Linea Cadorna.
Ritrovo e partenza in pullman da S.Stefano ore 8, si percorre a piedi la strada militare fino al Forte dove ci sarà una visita guidata tenuta dagli Alpini di Ornavasso.
Proseguimento a piedi verso il Santuario del Boden dove alle ore 12 sarà celebrata la S.Messa.
Pranzo presso la locanda "Antica trattoria del Boden"
Per informazioni telefonare a Elena : 0322/82319 - 3494335048 - Liliana : 0322/843546 - 3405740828

"Un missionario in canoa" - Presentazione del libro di Veronica Iannotti sulla vita di don Gervasio Fornara


"Un missionario in canoa” è un libro-intervista con il quale la scrittrice ripercorre la vita vera di Don Gervasio Fornara, missionario salesiano, che, non ancora sacerdote partì per la Colombia, dove passerà ben quarantun anni nelle foreste dell’ America Latina. In questo lungo periodo, nonostante le guerre civili, i narcotrafficanti, calamità naturali ed epidemie, il coraggioso missionario, nato a Borgomanero ed ora Parroco del Sacro Cuore di Gesù in Casale M.to, riuscì a fondare ben due centri missionari tutt’ oggi esistenti, la prima emittente televisiva locale e diverse stazioni radiofoniche. Una vita avventurosa, raccolta in questo libro-intervista da Veronica Iannotti.
Domenica 22 marzo don Gervasio Fornara celebrerà la messa in Santo Stefano alle ore 10.30, alle ore 12.30 pranzo comunitario presso la struttura di S.Bernardo e alle ore 15.00 la presentazione del libro.

9 Novembre 2014: Varganbas ricorda i suoi caduti


Nel  centenario dell'inizio della Grande Guerra ed in occasione del   4 novembre ricorrenza a noi cara dei nostri caduti, abbiamo voluto ricordarli presentandoli alla comunità con un evento speciale.
Presso il salone di San Bernardo è stato presentato il libretto dal titolo "la Grande Guerra - Varganbas ricorda i suoi caduti" attraverso la spiegazione di brevi passaggi storici e la lista dei 23 caduti di Santo Stefano.
Il tutto accompagnato dal Coro "Scricciolo" di Cameri, diretto dal m. Armando Travaini che ha proposto canti popolari inerenti al periodo storico trattato.
Presentazione dei canti e relative : Canti proposti coro Scricciolo
Hanno partecipato alla stesura e alla preparazione dell'evento : Ugo Zanetta, Pier Luigi Fornara, Piergiorgio Bertona, Gregorio Fornara, Vincenzo  Zanetta e Margheria Brigonzi.
Gianni Strigini per i disegni pubblicati sul  libro e Antonio Cattaneo collezionista appassionato di cimeli della prima guerra mondiale

Un ringraziamento all'Associazione San Bernardo che da sempre è sensibile alle opere di promozione sociale, ai volontari che hanno aiutato nei preparativi e a Elena Fornara che da sempre con buon gusto,estro e fantasia addobba i locali soprattutto con le sue composizioni floreali.

Cliccare qui per Photgallery  oppure visitare il sito     http://associazionesanbernardo.blogspot.it/ 

 

31 agosto 2014: Festa delle famiglie Zanetta dette Stupii


Domenica 31 Agosto a Santo Stefano di Borgomanero presso la struttura dell'Associazione San Bernardo si è svolto il raduno delle famiglie con cognome Zanetta originarie di un cortile e di un ceppo famigliare chiamato i Stupii.
E' stata una piacevole festa che ha fatto rincontrare e rinsaldare i legami famigliari e il pranzo si è tenuto sotto il tendone ed è stato curato dagli amici di San Bernardo.<br>
Erano presenti circa 90 persone abitanti soprattutto nella frazione di Santo Stefano ed altre nei paraggi del borgomanerese.
Si sono salutati tutti con un arrivederci.....all'anno prossimo.
I commenti positivi dell'iniziativa portano a credere che nelle persone c'è la voglia di rinsaldare e di scoprire le proprie origini, cercando l'identità che nel tempo è venuta meno.
Infatti il termine dialettale "Stupii" significa "stoppini" e gli antenati di queste famiglie Zanetta producevano e vendevano gli stoppini per le lampade ad olio.
Abitavano nell'attuale cortile, insieme di case che allora era invece denominata "cascina Gambetta" (data 1878)

1933-2013 : 80° anniversario costruzione della chiesa di S.Stefano


Il 16 settembre 1933 veniva consacrata con la visita pastorale del Vescovo Gentile, la nuova chiesa parrocchiale di Santo Stefano.
Dall'11 al 15 settembre si sono svolti i festeggiamenti iniziati con una corsa podistica nella serata di mercoledi 11.
Giovedi 14 la solenne processione con la statua dell'Ausiliatrice per le vie della frazione ha visto la partecipazione di molte persone.
Venerdi è stata la volta delle torte all'incanto, dove mamme,papà e nonni si sono sbizzarriti a produrne ben oltre 80 e tutte sono state vendute.
Sabato con la "cena sotto le stelle" c'è stata l'apice della manifestazione con la partecipazione numerosa dei santo stefanesi e non, ben 270 persone hanno cenato sotto le strutture posizionate in piazza. La cena e l'organizzazione è stata gestita dall'Associazione san Bernardo.
Domenica 15 messa solenne con la partecipazione dei preti e suore originari della frazione e delle suore rosminiane che per 37 anni hanno gestito la scuola materna.

13 luglio 2013 festa delle famiglie Fornara dette Furnasii


Domenica 14 Luglio a Santo Stefano di Borgomanero presso la struttura dell'Associazione San Bernardo si è svolto il raduno delle famiglie con cognome Fornara originarie di un cortile chiamato i Furnasii.
E' stata una piacevole festa che ha fatto reincontrare e rinsaldare i legami famigliari soprattutto tra i parenti che erano emigrati all'estero o in altre città. Il programma prevedeva un aperitivo di benvenuto seguìto dalla santa messa officiata nell'oratorio di San Bernardo da Padre Fiorenzo Fornara, rettore del santuario di Boca ed anch'esso originario di queste famiglie.
Il pranzo si è tenuto sotto il tendone dell'associazione ed è stato curato dagli amici di San Bernardo ai quali gli organizzatori indirizzano un caloroso grazie per la disponibilità e la collaborazione offerta per la buona riuscita della festa. Presenti all'evento 120 persone, abitanti soprattutto nella frazione di Santo Stefano ma anche famiglie Fornara da Arhnem (Olanda), Sirnach (Svizzera), Torino, Sesto Fiorentino e Novate Milanese.
Nel tardo pomeriggio tutti i Furnasii hanno visitato, nel centro storico della frazione, quel che resta del vecchio cortile con i corpi di case dove hanno avuto origine la loro famiglie.
Ci siamo congedati tutti con un arrivederci.....